6,5 MILIARDI PER I BIMBI CHE NASCONO

Un sostegno concreto alle coppie che scelgono di far nascere o adottare un figlio

Credo sia una delle azioni più significative del nostro percorso di lavoro parlamentare e di governo. Quella di avere attivato, una serie di misure concrete che sostengono le coppie che decidono di avere uno (o più) figli. Lo Stato aiuta i nuovi genitori ad affrontare, con maggiore serenità, uno dei passaggi più belli ma anche più responsabilizzanti nella vita delle Persone. In questo modo si favorisce inoltre la natalità e si offre un sostegno all’occupazione femminile.

L’utilità di queste misure è certamente confermata dalla già enorme quantità di domande presentate per fruirne e con la finanziaria di quest’anno, sono state attivate numerose importanti novità.

Vi riporto, qui di seguito, una sintesi delle misure che abbiamo approvato e i link web mediante i quali si possono effettuare le domande per accedere ai contributi e alle agevolazioni.

* * * * * * * *

 

> L’OBIETTIVO è sostenere economicamente chi sceglie di fare un figlio

> IL BENEFICIO è per 500mila famiglie italiane

> GLI STRUMENTI sono il bonus mamma, il buono asili nido, il credito agevolato, il voucher per babysitter, il bonus bebè

> 6,5 MILIARDI per il periodo 2017-2020

> OGNI ANNO:

- 800 €
a tutti i nuovi nati dal 2017

- 1.000 €
per l’asilo nido

- 1.920 €
per le famiglie in difficoltà

 

Sono molte e consistenti le novità messe in campo per aiutare economicamente le giovani famiglie e favorire così anche l’occupazione femminile. La novità più importante è che sono aiuti di carattere strutturale. Un sostegno economico serve sempre, ma solo se è davvero stabile può fare la differenza. Il “pacchetto famiglia” riguarda gli aspetti più delicati e impegnativi che i neo genitori devono affrontare, dal momento della nascita alle cure mediche, all’iscrizione al nido. Momenti di vita belli e faticosi, troppo spesso appesantiti da preoccupazioni e difficoltà economiche.

 

NOVITA’ 2017

  • Bonus mamma: 800 euro a tutti i nuovi nati o adottati dal 2017.

Misura universale corrisposta dall’INPS in un’unica soluzione che riguarda oltre 470 mila neonati, per una spesa complessiva di 1,2 miliardi per il triennio 2017-2019.
Fai qui la domanda

 

  • Buono asilo nido o assistenza domiciliare: 1.000 euro dal 2017.

Le famiglie con bambini piccoli possono chiedere il contributo di 91 euro al mese per 11 rate per pagare la retta dell’asilo nido, pubblico o privato. I genitori di bambini affetti da gravi patologie croniche possono usufruire dei 1.000 euro in un’unica soluzione per le spese di assistenza domiciliare. Gli stanziamenti sono di 144 milioni di euro per il 2017, 250 milioni per il 2018 e 300 milioni per il 2019, per poi proseguire a regime con 330 milioni di euro annui dal 2020.
Fai qui la domanda

 

  • Fondo sostegno alla natalità: prestiti a tassi e condizioni vantaggiosi alle famiglie con bambini piccoli.

È un Fondo istituito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri per rilasciare garanzie dirette, anche fideiussorie, alle banche e agli intermediari finanziari convenzionati. Ha una dotazione di 14 milioni di euro per il 2017, 24 milioni per il 2018, 23 milioni per il 2019, 13 milioni per il 2020 e 6 milioni dal 2021.

PROROGHE

 

  • Voucher per babysitter o asilo nido: fino a 3.600 euro, rinunciando al congedo.

È stata prorogata per il 2017 e il 2018 la possibilità per le madri lavoratrici, anche autonome (grazie alla Legge di Stabilità 2016), di richiedere un contributo economico in sostituzione, anche parziale, del congedo parentale per pagare baby-sitter o asilo nido.
Fai qui la domanda

 

  • Bonus bebè: fino a 1.920 euro per le famiglie in gravi difficoltà economiche.

Introdotto con la Legge di Stabilità 2015, il Bonus bebè viene versato fino al terzo anno di vita del bambino (o al terzo anno dall’ingresso in famiglia del figlio adottato) per aiutare le famiglie con un Isee non superiore a 25 mila euro annui. L’importo può variare tra 80 e 160 euro al mese. Gli stanziamenti ammontano a 202 milioni di euro per il 2015, 607 milioni per il 2016, 1.012 milioni sia per il 2017 che per il 2018, 607 milioni per il 2019 e 202 milioni per il 2020.
Fai qui la domanda

Share this article

Informazioni

Per qualsiasi informazione o richiesta, è possibile contattare la redazione, all'indirizzo email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Marina per ricevere utili informazioni ed essere sempre aggiornato sulle sue attività.

Top
Questo sito utilizza cookie per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies. Approfondimento…