PIÙ CHE DIMEZZATE, IN 4 ANNI, LE INFRAZIONI EU CONTRO L’ITALIA

Risultati record, con due miliardi di risparmi e maggiore peso  in Europa

di Marina Berlinghieri

Sono numerosi i fatti importanti che riguardano la partecipazione dell’Italia all’Unione Europea. Tra essi, non possono sfuggire dall’attenzione gli enormi risultati che abbiamo ottenuto, ultimamente, nella riduzione delle infrazioni pendenti sul nostro Paese. Da maglia nera dell’Europa fino al 2014, in meno di quattro anni, l’Italia ha dimezzato le procedure a proprio carico, superando in positivo nazioni come la Francia, la Spagna e la Germania.

Come Capogruppo del PD nella Commissione Politiche Europee, sono stata fortemente impegnata in questo lavoro, svolto in una grande sinergia tra Governo, maggioranza in Aula e i nostri vari responsabili e rappresentanti nelle diverse Commissioni parlamentari. Da subito, avevamo considerato fondamentale questo impegno, sapendo che esso avrebbe dovuto portarci verso due grandi obiettivi: un forte risparmio delle risorse altrimenti disperse per pagare le infrazioni e un’autorevolezza ed un peso politico maggiori dell’Italia in Europa.

Ci si è mossi seguendo tre grandi direttrici: il rispetto a monte, ovvero in sede legislativa, delle decisioni europee, fattore che ha portato a un netto calo nell’apertura di nuove procedure; un grande incremento delle archiviazioni; le migliori performance in termini di recepimento delle normative Ue e di gestione del contenzioso.

I risultati sono chiari: nei periodi dei governi Renzi e Gentiloni, con una performance migliore tra tutti i paesi più avanzati, abbiamo più che dimezzato le infrazioni, conseguendo un risparmio di due miliardi di euro, ora disponibili ad essere spesi in ben altri modi a favore dei cittadini, o per ridurre le imposte. Contemporaneamente, grazie a questo e ad alcuni altri importanti fattori, sono decisamente aumentati e si sono consolidati, tra i grandi dell’Europa, l’autorevolezza, la credibilità, il peso politico e il potere negoziale dell’Italia. Anche questo va ad ulteriore vantaggio della nostra comunità nazionale, perché oltre a renderci più protagonisti nelle scelte europee, ci consente di renderle più consone alle aspettative e alle esigenze italiane.

Share this article

Informazioni

Per qualsiasi informazione o richiesta, è possibile contattare la redazione, all'indirizzo email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Marina per ricevere utili informazioni ed essere sempre aggiornato sulle sue attività.

Top
Questo sito utilizza cookie per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies. Approfondimento…