FIRMATA LA CONVENZIONE DEL BANDO “PERIFERIE DEGRADATE’’ E APPROVATA ALLA CAMERA LA PROPOSTA DI LEGGE PER SVILUPPARE E SOSTENERE LA MOBILITÀ IN BICICLETTA

È stato un mese di grandi risultati per quanto concerne la valorizzazione delle province e dei territori: un mese che ha visto nella nostra Brescia la firma delle Convenzioni con i Sindaci delle Città italiane beneficiarie delle risorse previste dal Piano Nazionale per la riqualificazione sociale e culturale delle aree urbane degradate e alla Camera l’approvazione della proposta di legge per sviluppare e sostenere la mobilità in bicicletta. Brescia, protagonista anche su questo tema, si aggiudica 1 milione di euro con “Miles”, progetto di mobilità sostenibile che incentiva il bike, il car sharing, il car pooling, piedibus, buoni di mobilità programmi di educazione alla sicurezza stradalle e di riduzione del traffico, dell’inquinamento e della sosta degli autoveicoli in prossimità di istituti scolastici e delle sedi di lavoro. 

La cerimonia per il bando ‘’periferie degradate’’, presieduta dalla Sottosegretaria Maria Elena Boschi, è stata organizzata proprio a Brescia perché la città è la prima in graduatoria nel bando iniziato dal Governo Renzi nel 2015. Ad aprire la giornata l’intervento del Sindaco Emilio Del Bono che ha sottolineato l’importanza di accogliere la firma della Convenzione in un comune e non nella capitale, a testimonianza del fatto che per far ripartire la Nazione sia necessario dare più attenzione ai territori. Infatti «se ripartono i comuni riparte anche l’economia». Il sindaco ha inoltre sottolineato come sia sbagliato il concetto di periferia in quanto all’interno di ogni singola città tutti meritano la stessa importanza, è doveroso quindi investire sulla rigenerazione e restituire nuova vita ai luoghi urbani degradati. Sulla stessa linea di pensiero la Sottosegretaria di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, On. Avv. Maria Elena Boschi ha cosi affermato: «Abbiamo stanziato 210 milioni di euro per progetti che riguardano le città, ma anche per i piccoli comuni. Con questi fondi destinati alle aree degradate vogliamo garantire maggiori servizi e pari opportunità ai cittadini».

La nuova proposta di legge per sviluppare e sostenere la mobilità in bicicletta e una rete nazionale di percorribilità ciclistica si pone come obbiettivi la sostenibilità, specialmente nelle aree urbane, e lo sviluppo di forme di mobilità alternative all'automobile ed è rivolta anche ad incentivare il turismo in bicicletta che muove in Europa ogni anno oltre 10 milioni di persone.

La proposta di legge vuole essere punto di svolta culturale nella percezione, nell’approccio e quindi nell’elaborazione di politiche riguardanti la mobilità urbana.  Gli spostamenti che avvengono ormai quotidianamente all'interno delle città rappresentano circa il 90 per cento di quelli complessivi e uno studio dell’ACI calcola in circa 4 miliardi l’anno il costo delle inefficienze nella mobilità urbana.

Il testo prevede una programmazione nazionale stabile e una pianificazione pluriennale relativa alla realizzazione della rete ciclabile nazionale denominata Bicitalia; una programmazione regionale e locale che promuova una mobilità urbana sostenibile, mediante l'intermodalità con i mezzi utilizzati per il trasporto pubblico locale; l'individuazione delle ciclovie di interesse nazionale che costituiscono la rete nazionale e gli interventi   prioritari  per  assicurare   le  connessioni  della  rete con le altre modalità di trasporto; la realizzazione di aree destinate all'accoglienza delle biciclette nei parcheggi delle stazioni ferroviarie e metropolitane, negli scali fluviali e lacustri, nei porti e negli aeroporti;e infine la predisposizione dei mezzi pubblici per il trasporto delle biciclette e la realizzazione di velostazioni nei comuni sede di stazioni ferroviarie, di autostazioni o di stazioni metropolitane.

Promuovere una nuova mobilità non significa solo migliorare la qualità dell’ambiente e quindi la vita delle persone, ma contribuire ai grandi obiettivi indicati dall’accordi di Parigi sul clima.

Share this article

Informazioni

Per qualsiasi informazione o richiesta, è possibile contattare la redazione, all'indirizzo email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Marina per ricevere utili informazioni ed essere sempre aggiornato sulle sue attività.

Top
Questo sito utilizza cookie per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies. Approfondimento…